16

Ottobre
2019

corso

Gestione delle non conformità e delle crisi alimentari


PROMOZIONE "AGOSTO 10 E LODE"
Le iscrizioni che perverranno entro il 31 agosto 2019 godranno di uno sconto aggiuntivo del 10% sulle promozioni in corso

Affrontare una crisi alimentare significa mettere in moto un meccanismo aziendale che deve risultare ineccepibile sia internamente sia verso l’esterno. Sono, infatti, diversi i profili professionali coinvolti che devono reagire in perfetta sintonia.
Dalle procedure di ritiro e richiamo ai rapporti con le autorità, dalla gestione della crisi sui media tradizionali e sui social all’eventuale danno reputazionale, il corso approfondisce la gestione della crisi in ogni suo aspetto anche grazie all’aiuto di case history emblematici.

Questi i focus della giornata di studio:

  • Allerte: procedure di ritiro, richiamo, avviso alle autorità
  • Le autorità di controllo
  • Gestione della crisi
  • Rapporti con i media tradizionali e i social
  • Il danno reputazionale

Scarica il programma

iscriviti al corso
rivolto a:

Qualità, Produzione aziende alimentari, Consulenti sui temi della sicurezza alimentare, GDO, TA, Responsabili Marketing e Comunicazione, Ufficio legale


interventi


16

Ottobre
2019


mattina

Le crisi alimentari: profili normativi, applicativi e interpretativi

Giorgia Andreis
Andreis e Associati Avvocati - Torino, Milano

abstract

L’intervento è incentrato sulle norme e sulle pratiche che vengono attuate in caso di non conformità e di crisi alimentari.

Da un lato, quindi, si approfondiscono le attività, fra cui ritiro e richiamo, gli obblighi e le responsabilità dell’operatore del settore alimentare. Dall’altro, si analizzano i casi più recenti anche con riguardo alle diverse misure applicate dalla autorità competenti.

Il ruolo delle autorità nella gestione della crisi e i rapporti con gli operatori

Filippo Denaro Papa
Dirigente medico presso ASL Città di Torino

Case History - La gestione della crisi alimentare, dalla teoria alla pratica

Bruno Simonetta
Responsabile ufficio "Igiene Alimenti" Gruppo Sogegross

abstract

Dall’entrata in vigore dell’obbligo di autocontrollo esteso a tutti gli OSA, non dovrebbe destare clamore leggere che una catena alimentare o uno stabilimento abbiano attivato la procedura di ritiro/richiamo di un prodotto dalla vendita, il più delle volte a scopo precauzionale, qualche volta per reale e potenziale pericolosità dell’alimento.
Le catene della grande Distribuzione organizzata sono i terminali di tali attività ed è loro l’onere di informare i propri clienti in modo rapido ed efficace.
Pertanto l'intervento approfondirà:
• la segnalazione di presunta non conformità
• la necessità di presa in carico.
• l’approccio al cliente che compra all’ingrosso (cash & carry)
• le modalità operative dal “ritiro/richiamo” rivolto al consumatore finale (supermercati).




pomeriggio

Le crisi alimentari dal punto di vista della produzione

Stefano Robba
Tecnologo alimentare, specializzato in Tossicologia - External Affairs Centro Ricerche e Studi dei Laghi

abstract

L’OSA è chiamato a garantire la sicurezza del prodotto, ma possono capitare eventi o casi di contaminazione e problemi durante la produzione che obbligano al ritiro e al richiamo del prodotto se già immesso in commercio. L'intervento verte, dunque, sui casi più ricorrenti e sui pericoli a cui la produzione è esposta, sulla reazione interna alle non conformità e sul rapporto con l’autorità che interviene per verificare la corretta applicazione delle misure imposte.

Negli ultimi anni si sono aggiunte non solo la “gestione” delle informazioni sulle non conformità da dare al pubblico e ai consumatori che si interfacciano con l’azienda tramite i servizi clienti e altri strumenti come i social, ma anche la “gestione” e le corrette reazioni alla diffusione di notizie non vere o non complete che possono offendere la reputazione della azienda.

Marca, media e contrasto alla disinformazione

Ivo Ferrario
Giornalista - Direttore Comunicazio­ne e Relazioni Esterne di Centromarca

abstract

Con la fine del monopolio unidirezionale dell’informazione, le logiche tradizionali della relazione tra consumatori e aziende vengono ridisegnate.
In un mondo dove i mercati sono conversazioni, la competizione si gioca su variabili come l’ascolto e la partecipazione ai dialoghi per individuare esigenze, spunti di miglioramento in base ai quali mettere a punto prodotti o servizi coerenti con le esigenze del mercato.
In questo ambito la valorizzazione e la tutela della reputazione d’impresa giocano un ruolo di particolare rilevanza nella competizione, perché rappresentano un elemento fondamentale della relazione con il consumatore e, in generale, con gli stakeholder.
Nel corso dell’intervento saranno approfonditi:
• il contesto sociale e tecnologico in cui operano le aziende
• le criticità che contraddistinguono l’informazione di prodotto sui media
• il problema delle "fake news" e la sua portata.

La gestione della crisi sotto il profilo comunicazionale: le modalità e gli strumenti a disposizione degli operatori

Massimo Guastini
Executive Partner e socio fondatore presso Cookies and Partners


la quota comprende:
  • La presenza alla giornata di studio
  • Gli atti del corso o del seminario
  • Coffee break e business lunch
  • Attestato di partecipazione
  • Crediti formativi per i Tecnologi Alimentari

modalità e termini di iscrizione

L’iscrizione deve pervenire entro i due giorni precedenti la data del corso. Dopo questa scadenza, si prega di telefonare allo 02-91534731 per avere conferma di posti ancora disponibili.

All’attivazione del seminario OM invia, tramite mail, conferma di accettazione e la fattura per il pagamento della quota di partecipazione.


OM si riserva la facoltà di annullare o modificare la data di svolgimento di un corso (ad esempio per mancato raggiungimento del numero minimo dei partecipanti) entro i termini indicati per la chiusura delle iscrizioni.
Nel caso, i partecipanti saranno tempestivamente avvisati; se versata, la quota di iscrizione sarà restituita per intero.

I partecipanti possono disdire la loro partecipazione al corso entro e non oltre sette giorni lavorativi prima dell'appuntamento, dandone comunicazione scritta a OM tramite email o fax. Dopo questo termine la quota d’iscrizione dovrà essere versata per intero.

prezzo:

260 € più Iva


Prezzo speciale di 210 € più Iva per chi si iscrive entro il 27 SETTEMBRE 2019


relatori



responsabili scientifici:


Andreis

Giorgia Andreis

Andreis e Associati Avvocati - Torino, Milano

L’avvocato Giorgia Andreis svolge da oltre dieci anni la sua attività nell’ambito del diritto alimentare, sia sotto il profilo della consulenza sia sotto il profilo della assistenza giudiziale.

Dopo aver trascorso alcuni periodi di attività anche all’estero, è rientrata nello studio fondato dal padre negli anni ’60, occupandosi in particolare della consulenza in materia di presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari e della gestione delle vertenze davanti alla Giustizia ordinaria e davanti alle Autorità amministrative competenti.

Assiste gli operatori del settore alimentare durante il percorso della produzione, della presentazione e della distribuzione del prodotto, coadiuvandoli anche nei rapporti con fornitori, consumatori e trade, nei rapporti con le Associazioni di categoria e le Autorità pubbliche, e con riguardo alla gestione delle crisi e delle “special situations”. Interviene come relatrice a convegni, seminari e corsi, scrive su diverse riviste di settore e ha pubblicato alcune trattazioni in materia.

Andreis

Lorenza Andreis

Andreis e Associati Avvocati - Torino, Milano

L’avvocato Lorenza Andreis svolge da più di dieci anni la sua attività nell’ambito del diritto alimentare con specifico riferimento alla attività di consulenza.

Dopo la laurea, ha iniziato da subito nello studio specializzato fondato dal padre negli anni ‘60, assistendo gli operatori del settore alimentare con riguardo alle questioni e problematiche della produzione, della commercializzazione e della presentazione e pubblicità dei prodotti alimentari, nei rapporti con i fornitori, con i consumatori e con le associazioni di categoria.

Dal 2007 al 2012 ha lavorato per lo studio a Bruxelles, dove si è anche occupata di trattenere i rapporti con gli Organismi comunitari interessati al settore alimentare. Interviene come relatrice a convegni, seminari e corsi, e collabora con diverse riviste di settore.


contatti

Per informazioni e iscrizioni ai corsi “In-Formare, la qualità del cibo a convegno”:
segreteria@ominrete.it